27 Aprile 2021
AGRITURISMI PRONTI A RIAPRIRE IN SICUREZZA NEL VERDE DELLA CAMPAGNA

Della Chiesa (Terranostra Forlì-Cesena e Rimini): “Le nostre strutture immerse nella natura garantiscono benessere e distanziamento grazie alla presenza di aie, cortili e grandi spazi aperti”

La riapertura di bar e ristoranti per il servizio al tavolo consente la riprese delle attività solo ad 1 locale su 2 che può contare su spazi all’aperto, percentuale che sale al 100% nel caso degli agriturismi che hanno a disposizione ampie aree immerse nel verde, aie e cortili. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sugli effetti delle nuove regole per le aperture che scattano il 26 aprile con il ritorno della nostra regione in zona gialla.

“I nostri agriturismi e le fattorie didattiche delle province di Forlì-Cesena e Rimini – spiega Fabio Della Chiesa, presidente provinciale di Terranostra, l’associazione degli agriturismi di qualità Coldiretti - si stanno organizzando per l’accoglienza e per offrire agli ospiti la possibilità di fare visite didattiche, pranzare e cenare nel verde. Ogni azienda – prosegue - si sta preparando per garantire la sicurezza a visitatori e villeggianti e la possibilità di aprire nel rispetto delle nuove regole riconoscendo il vantaggio di poter ovviare alle difficoltà che si registrano maggiormente nei centri urbani, stretti tra traffico ed asfalto. Le nostre strutture, spesso situate in zone isolate e ricavate all’interno di casolari con ampi spazi all’aperto, sono probabilmente i luoghi più sicuri, dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche”.

“Speriamo che la possibilità di riaprire le attività di ristorazione sfruttando gli spazi all’aperto – gli fa eco Anacleto Malara, Direttore di Coldiretti Forlì-Cesena e Rimini – possa dare respiro agli agriturismi nonostante il coprifuoco fissato alle 22 che ne limita comunque l’attività. La ripartenza era attesa da tempo dopo che le chiusure a singhiozzo dall’inizio della pandemia hanno tagliato i redditi degli operatori con perdite di fatturato superiori anche al 60-70%. Sicuramente le aziende agrituristiche, a gestione familiare, con un numero contenuto di posti letto e a tavola, possono contare su ampie aree all’esterno per assicurare il necessario distanziamento a tavola dato che in campagna, le distanze, si misurano in ettari e non in metri”.

L’agriturismo – sottolinea Coldiretti - svolge un ruolo centrale per la vacanza Made in Italy post covid perché contribuisce in modo determinante al turismo di prossimità nelle campagne italiane per garantire il rispetto delle distanze sociali ed evitare affollamenti e assembramenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi